DISCOGRAFIA MCR – Modena City Ramblers


APPUNTI PARTIGIANI (2005)
Questo cd, sia per protagonisti che per temi trattati, ha il sapore della rimpatriata.Si rivelerà tale anche per altre persone, non solo per me:dopo questo cd il cantante Cisco Bellotti lascerà il gruppo per tentare l’avventura solista. A tutt’oggi la mia ultima collaborazione col gruppo emiliano.


2004 VIVA LA VIDA MUERA LA MUERTE (2004)
Piccola partecipazione con le uilleann pipes nel cd dei MCR prodotto da Max Casacci.In quel periodo il gruppo cercava sonorità diverse e il subsonico Casacci fece un gran bel lavoro in quel senso,conferendo un tocco  “internazionale” al gruppo.


RADIO REBELDE (2002)
Primo cd del gruppo emiliano ad essere prodotto da un produttore esterno (Enzo Rizzo a Napoli). E’ anche l’ultimo cd in cui ho suonato come membro stabile nel gruppo.Un cd piuttosto strano, a mio avviso un pò troppo figlio dell’infatuazione che il gruppo in quel momento aveva per Manu Chao…. da ricordare comunque il brano MAISHA.


FUORI CAMPO – 1999
Nonostante la mia fuoriuscita dal gruppo venni richiamato per alcune partecipazioni: uilleann pipes e bouzouki in un paio di pezzi come COI PIEDI PER TERRA e SOAD.

Forse un cd non indimenticabile,  di sicuro rimarchevole la title track con l’intervento di Luis Sepulveda.


RACCOLTI – 1998
Dal Sisten pub di Novellara (RE) un live acustico alla maniera unplugged che ripercorre la storia del gruppo fino a quel momento.Bella la formula del live registrato dentro un pub irlandese, fu molto divertente; inoltre all’epoca credo che fossimo stati tra i primi in Italia a fare una cosa del genere..


CENT’ANNI DI SOLITUDINE – 1998
Mini cd con alcuni brani live, tra cui la celebrata (e controversa) “Contessa”,registrata al Palatrussardi di Milano in un affollatissimo concerto durante la Festa Nazionale di Rifondazione Comunista.

TERRA E LIBERTA’ – 1997
Primo cd da me scritto con la band emiliana, cd che segnò una prima svolta del gruppo rivolta a temi più universali che specificatamente celtici o irlandesi. Per la prima volta si parla di Sudamerica come luogo dell’anima; per quanto mi riguarda lo diventerà molti anni dopo, ma per motivi che esulano dalla musica….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>