TIN WHISTLE

 

Un piccolo, poco appariscente tubino di latta con sei fori davanti ed un beccuccio di plastica colorata. Ma anche uno dei simboli della musica irlandese, l’accesso più veloce ed immediato per migliaia e migliaia di appassionati che vogliono confrontarsi con la musica irlandese. E parimenti uno degli strumenti più insospettabilmente espressivi nel panorama tradizionale dell’isola verde.

Nacque con una zeppa di legno al posto del beccuccio, in tempi remoti, un modello denominato Clarke; oggi i modelli più usati sono i Generation, reperibili in qualsiasi negozio di strumenti musicali anche in Italia. Esistono versioni molto più ricercate: interamente di plastica (Susato), o col beccuccio metallico su corpo di legno, più costose, senz’altro più raffinate, ma che qualche volta eccedono in precisione, perdendo un pò di quella semplicità che è in realta la forza di questo strumento,  piccolo ma magico al punto da aver avuto degli interpreti passati alla storia della musica irlandese: Micho Russell, Sean Ryan, Sean Potts oltre che Paddy Moloney dei Chieftains.

One thought on “TIN WHISTLE

  1. Mi domando qual’è la cosa che rende magica la musica irlandese, celtica …. In una apparente semplicità ci sono – a volte – delle sequenze di accordi che mi sfuggono.
    Spero di esserci, a Latina, per il 22 ottobre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>