TIN WHISTLE

whistles
Un piccolo, poco appariscente tubino di latta con sei fori davanti ed un beccuccio di plastica colorata. Ma anche uno dei simboli della musica irlandese, l’accesso più veloce ed immediato per migliaia e migliaia di appassionati che vogliono confrontarsi con la musica irlandese. E parimenti uno degli strumenti più insospettabilmente espressivi nel panorama tradizionale dell’isola verde.

Nacque con una zeppa di legno al posto del beccuccio, in tempi remoti, un modello denominato Clarke; oggi i modelli più usati sono i Generation, reperibili in qualsiasi negozio di strumenti musicali anche in Italia. Esistono versioni molto più ricercate: interamente di plastica (Susato), o col beccuccio metallico su corpo di legno, più costose, senz’altro più raffinate, ma che qualche volta eccedono in precisione, perdendo un pò di quella semplicità che è in realta la forza di questo strumento,  piccolo ma magico al punto da aver avuto degli interpreti passati alla storia della musica irlandese: Micho Russell, Sean Ryan, Sean Potts oltre che Paddy Moloney dei Chieftains.

BOUZOUKI

buzuki
Verso la fine degli anni sessanta, in Irlanda, due giovanotti di nome Andy Irvine e Donal Lunny, di lì a breve destinati a rivoluzionare per sempre la musica tradizionale del loro paese attraverso un gruppo chiamato PLANXTY, pensarono di allargare il tiro introducendo lo strumento greco per eccellenza nelle sessions al pub. Furono necessarie alcune modifiche: la tonalità, certo, ma anche la forma, visto che il fondo bombato dello strumento greco mal si adattava ad essere suonato da seduto…

La grande particolarità del bouzouki irlandese è la sua capacità di sostenere al tempo stesso melodia e ritmica, vuoi per l’accordatura aperta (sol-re-la-re) vuoi per l’attacco deciso ed incisivo delle note singole.   Possiedo uno strumento di CORDOVA GUITARS, l’ azienda di Carlos MICHELUTTI, liutaio argentino itinerante tra Gubbio e Cremona; fu il primo bouzouki che costruì ed è uno strumento di eccezionale stabilità; tavola di acero ed abete, tastiera in ebano. Rispetto al bouzouki greco, ma anche a quello irlandese in genere, produce un suono molto più ricco e tondo, forse più adatto a contesti musicali meno affollati ma davvero molto piacevole all’orecchio.

UILLEANN PIPES

olanda1.jpg

La regina, a parer mio, degli strumenti appartenenti alla famiglia delle cornamuse. Sette ance, un chanter per la melodia, tre bordoni di re, tre regulators con possibilità di armonizzare la melodia che stai suonando attraverso la pressione di chiavi col polso destro…Detto così sembra molto difficile, invece è anche peggio!
Il mio set di uilleann pipes è stato costruito in diverse fasi: nel 1991 presi un pratice set da CHARLES ROBERTS all’epoca costruttore e sempre all’epoca residente a Glencar, Sligo, Eire. Tre anni dopo tornai da lui per aggiungere i regulators. Adesso CHARLES ROBERTS non lavora più in questo settore e non abita neanche più in Irlanda; in compenso il figlio Alan continua a suonare gli strumenti di suo padre.