DISCOGRAFIA SOLISTA

Tecentosessanta cover

 TRECENTOSESSANTA  (2015)

Trecentosessanta come i gradi a cui si rivolge la musica di questo lavoro: jazz, folk, rock, funk e – novità assoluta nella discografia di Massimo – cinque brani cantati da fior di esecutori: CISCO BELLOTTI, ANDREA CHIMENTI, MARCELLO DE DOMINICIS, ROGER LUCEY e RAFFAELLO SIMEONI, in rigoroso ordine alfabetico. La presenza di questi cantanti così diversi tra di loro va di pari passo con la presenza di tutti i generi musicali che ruotano intorno alla musica celtica e che Massimo ha percorso in tutti questi anni. Pubblicato da Soffici Dischi è reperibile anche in tutte le piattaforme digitali.

PROMISES (2013)

Primo dei miei cd uscito per AI MUSIC, PROMISES è la summa dei lavori precedenti includendo anche il lavoro dei DUCTIA. Balza subito all’orecchio infatti l’uso del pianoforte, novità quasi assoluta nel mio repertorio solista, volutamente riservato in passato al suono del gruppo condiviso con STEFANO SANTONI e CARLO GNOCCHINI. Una strizzata d’occhio a certe atmosfere jazz rock, secondo le “regole” di quella contaminazione a me tanto cara, e tanto ritmo per ballare brani in stile irlandese e non solo, come sempre, unitamente a momenti di maggiore intensità emotiva.


TERRE IN VISTA (2011)


Scritto a quattro mani con Raffaello Simeoni, cantante e polistrumentista reatino,questo album allarga il fronte sonoro di Massimo grazie alla presenza di strumenti di carattere prettamente mediterraneo e soprattutto alla voce di Raffaello, che nel suo dialetto nativo (Rieti) canta in sette brani dei dieci presenti nell’album. Un caleidoscopio di immagini sonore riferite a luoghi, colori, anime diversissime tra loro, un autentico periplo dello spirito, sempre con lo sguardo rivolto verso la prossima terra in vista.

2009 – EPICA

La parola EPICA viene normalmente associata alla letteratura antica, greca o medievale, che narri le gesta di eroi coraggiosi e dame virtuose.

Questo disco non vuole essere la messa in musica di un’opera letteraria antica, che magari ha segnato il percorso studentesco di tutti noi e di tantissimi ragazzi ancora a venire. Piuttosto, è l’idea di fare una carrellata sulla tipologia dei personaggi che popolano questo tipo di racconti: fieri e orgogliosi, disposti perfino al sacrificio supremo ma al contempo anche esseri umani che, in quanto tali, sono immancabilmente fragili.

2007 – TRADITIONAL

Il recupero di vari brani tradizionali che erano apparsi nei cd allegati alla rivista CELTICA, rimixati e ripuliti per l’occasione.Meno tradizionale, forse,l’intento di partenza, e sicuramente il risultato finale…Da ricordare il brano JIG OF CRAN, suonato da due cornamuse: la mia e quella di ALAN ROBERTS, figlio di quel CHARLES ROBERTS che ha costruito il mio strumento e a cui devo molte delle mie fortune.

2005 – ANCESTRAL BREATH

Respiro ancestrale per cercare di recuperare, fin dove possibile, i ritmi e le profondità che furono propri delle civiltà passate e che l’era moderna ha quasi del tutto cancellato. Ritmi intesi non come musicali, bensì spirituali. Provate a fermarvi ad ascoltare il battito del vostro cuore o il vostro ritmo vitale e vedrete come sia ormai difficile stare un po’ con noi stessi, in ascolto. La musica può regalarci gli attimi che servono per riaccendere l’immaginazione, per riacquistare la capacità di entrare in profondità, a diretto contatto con la nostra anima.

2003 – INDOEUROPEAN

Questo mio secondo lavoro cerca di riportare le sonorità celtiche dal loro reale punto di partenza, più o meno il Pakistan…così si mescolano ritmi e sonorità irlandesi con quelli del Punjab per un lavoro decisamente originale.Da sentire BANGRA BALLAD al proposito, ma anche THE UNKNOWN o AROUND, quest’ultimo da sempre riproposto anche live. Segnalo inoltre che a dispetto di quanto (non) riportato sul libretto,  nel brano THE CELTICARAVAN TRAD SESSIONS suona l’unico ospite in tutta la mia discografia solista: il violino di VIERI BUGLI.

2001 – CELTICARAVAN

Nasce come colonna sonora per dei documentari sul mondo celtico, successivamente raccolti in un unico cd, che inaugura la mia carriera solista ed il sodalizio con 3ntini editore. Nel cd suono tutti gli strumenti nel disco e mi occupo anche della produzione artistica, avviando un trend che contraddistinguerà la mia produzione solista.

DISCOGRAFIA MCR – Modena City Ramblers


APPUNTI PARTIGIANI (2005)
Questo cd, sia per protagonisti che per temi trattati, ha il sapore della rimpatriata.Si rivelerà tale anche per altre persone, non solo per me:dopo questo cd il cantante Cisco Bellotti lascerà il gruppo per tentare l’avventura solista. A tutt’oggi la mia ultima collaborazione col gruppo emiliano.


2004 VIVA LA VIDA MUERA LA MUERTE (2004)
Piccola partecipazione con le uilleann pipes nel cd dei MCR prodotto da Max Casacci.In quel periodo il gruppo cercava sonorità diverse e il subsonico Casacci fece un gran bel lavoro in quel senso,conferendo un tocco  “internazionale” al gruppo.


RADIO REBELDE (2002)
Primo cd del gruppo emiliano ad essere prodotto da un produttore esterno (Enzo Rizzo a Napoli). E’ anche l’ultimo cd in cui ho suonato come membro stabile nel gruppo.Un cd piuttosto strano, a mio avviso un pò troppo figlio dell’infatuazione che il gruppo in quel momento aveva per Manu Chao…. da ricordare comunque il brano MAISHA.


FUORI CAMPO – 1999
Nonostante la mia fuoriuscita dal gruppo venni richiamato per alcune partecipazioni: uilleann pipes e bouzouki in un paio di pezzi come COI PIEDI PER TERRA e SOAD.

Forse un cd non indimenticabile,  di sicuro rimarchevole la title track con l’intervento di Luis Sepulveda.


RACCOLTI – 1998
Dal Sisten pub di Novellara (RE) un live acustico alla maniera unplugged che ripercorre la storia del gruppo fino a quel momento.Bella la formula del live registrato dentro un pub irlandese, fu molto divertente; inoltre all’epoca credo che fossimo stati tra i primi in Italia a fare una cosa del genere..


CENT’ANNI DI SOLITUDINE – 1998
Mini cd con alcuni brani live, tra cui la celebrata (e controversa) “Contessa”,registrata al Palatrussardi di Milano in un affollatissimo concerto durante la Festa Nazionale di Rifondazione Comunista.

TERRA E LIBERTA’ – 1997
Primo cd da me scritto con la band emiliana, cd che segnò una prima svolta del gruppo rivolta a temi più universali che specificatamente celtici o irlandesi. Per la prima volta si parla di Sudamerica come luogo dell’anima; per quanto mi riguarda lo diventerà molti anni dopo, ma per motivi che esulano dalla musica….

DISCOGRAFIA WHISKY TRAIL

BEGINNINGS (2010)
Il trentacinquesimo anniversario del gruppo viene celebrato con la ristampa di alcuni brani tradizionali che avevano visto la luce all’ esordio della band. Naturalmente sono stati aggiunti contributi miei e di Vieri Bugli, nel segno della continuità. Whisky Trail molto diversi da quelli attuali, quelli di questo disco, ma del resto 35 anni non possono passare senza lasciare traccia. Un documento interessante.


SAN FREDIANO – UN IRLANDESE A FIRENZE (2008)
A tutt’oggi il maggior sforzo produttivo dei Whisky Trail: un dvd live con fior di ospiti (Alberto Massi, Archea) ed un cd audio per far sapere che San Frediano,incarnante la Firenze più vera ed autentica, era nientemeno che irlandese. Chissà che non sia questa la vera ragione della presenza dei Whisky Trail proprio in quella città….


IRLANDA IN FESTA (2007)
Compilation uscita per celebrare i dieci anni della festa irlandese al Saschall di Firenze; alcuni brani miei da solista, altri reincisi per l’occasione.
Da quel momento quei brani miei sono entrati a far parte del repertorio stabile dei Whisky Trail.


CHAOSMOS (2006)
Il primo cd scritto col gruppo fiorentino;un vero e proprio caleidoscopio di nuova musica celtica, un tentativo di andare oltre gli schemi della musica popolare basato, nientemeno, che sulla teoria del caos. Un cd che non esito a definire un classico, visto l’esito del risultato finale che a me (e non solo a me, per fortuna) piace davvero tantissimo.

DISCOGRAFIA DUCTIA


2007 – TUSCàNTICA
Gruppo riformato, disco nuovo basato su suggestioni del medioevo toscano. É l’inizio del gruppo a cinque elementi, con l’ingresso in pianta stabile di VIERI BUGLI al violino,DAVIDE CANDINI al pianoforte, MAURO PAMBIANCHI alle percussioni.  DUCTIA cessa di essere un progetto sonoro e diventa un gruppo live vero e proprio.

CORPO DI GUERRA – 2002
Vari artisti per una compilation pacifista; i Ductia suonano a fianco di GINEVRA DI MARCO, OGAM, VITTORIO NOCENZI, GANG scrivendo due brani cantati per l’occasione da Maria Pia Teti.
Dal cd venne montato uno spettacolo live con tutti gli artisti partecipanti.


2002 – BLUE PLANET
Per la prima volta tre brani cantati (dalla bravissima ROMINA SALVADORI) tra cui spicca la cover di WALKING ON THE MOON dei POLICE.
Forse il lavoro più “globale” del gruppo, con suggestioni ed influenze da ogni parte del mondo.


2000 – SONGS FOR JETHRO
Compilation tributo ai JETHRO TULL con artisti vari.
I Ductia reinterpretano una versione di FOR MICHAEL COLLINS,JEFFREY AND ME dall’album BENEFIT. Curioso il fatto che la cover di un brano cantato sia stata pensata come brano strumentale…


1999 – IL RAMO D’ORO
Da un testo universitario di antropologia. Contatti e differenze tra le varie etnie del mondo per quanto riguarda lo spirito.
Con Nina Fischer alla voce. Il tutto nel segno di quella spiritualità ancestrale che il mondo moderno ha colpevolmente nascosto.


1997 – DUCTIA
Disco d’esordio, risultato di quattro anni di prove e scrittura con i fondatori STEFANO SANTONI e CARLO GNOCCHINI. Almeno un paio di “classici” all’interno, come RASSERENATA e PUNTA D’ORGANO, di fatto mai usciti dalla scaletta live.

COLLABORAZIONI

 

telling tales

 CAROLINE BLUNDELL – TELLING TALES (2016)

Il contatto con Roger Lucey ed il Sudafrica mi ha consentito di partecipare anche alla realizzazione di un album con CAROLINE BLUNDELL,  sorella del produttore dell’album di Roger Jonny Blundell e bravissima cantautrice di stampo country-folk. Ho scoperto che la famiglia Blundell è una vera e propria leggenda in Sudafrica: una famiglia di artisti viaggianti a partire dal capostipite Keith Blundell, fondatore del gruppo THE BALLADEERS negli anni 60 (date un’occhiata qui: http://carolineblundell.com/#!/the-legacy/).

CarolineBlundell-AlexanderBar_150806-3136_uxga

 

Caroline ha una bellissima voce e suona la chitarra molto bene, ricorda una Joni Mitchell più  orientata verso il country. Pezzi molto belli, splendidamente registrati e prodotti, dove ho inserito uilleann pipes e whistles. Un disco molto bello, gratificante all’ascolto, che rende molto bene l’idea dello spessore artistico di Caroline e di tutti i musicisti che hanno preso parte alla sua realizzazione. Una scoperta.

 

ROGER LUCEY – NOW IS THE TIME (2015)

cover roger

Esce in questi giorni un album decisamente particolare tra le mie collaborazioni: si tratta dell’album del cantautore sudafricano ROGER LUCEY, amico di lunga data. Dopo aver combattuto per anni contro il regime sudafricano, denunciandone i crimini dell’apartheid e per questo subendone ritorsioni continue, finalmente Roger riesce a pubblicare un suo album: 15 pezzi che mescolano country, folk, world music, un sacco di musicisti bravissimi ed una produzione davvero ottima, piena della luce che si può vedere solo a quelle latitudini.
Ho partecipato alla registrazione di diversi pezzi, in qualche caso anche alla loro scrittura, suonando uilleann pipes, flauti, bouzouki e perfino la chitarra elettrica: per la precisione in ALL IN THE HEART, WHEN OUR HEARTS WERE ON FIRE, DAYS OF REFLECTION, THE LINE. Tralasciando il lato emozionale presente nel risuonare insieme ad un amico dopo quindici anni, mi sono divertito un sacco a mescolare suoni e ritmi irlandesi a colori decisamente diversi, unendo Africa ed Europa insieme alla bellissima voce del mio amico Roger. Devo anche sottolineare che questo disco va a sanare un’ingiustizia pluriennale, rendendo il giusto merito ad un grande artista che non ha mai potuto essere tale per motivi indipendenti dalla propria volontà.

ZAMPOGNORCHESTRA – BAG TO THE FUTURE (2012)

Aspettate un attimo, non lasciatevi ingannare. Non si tratta del solito disco di zampogne, non c’entra niente il Natale, giusto per rinnovare uno degli stereotipi più diffusi al riguardo. Questo è un progetto particolarissimo e soprattutto divertentissimo: una orchestra di zampogne che rilegge in modo divertentissimo perfino qualche classico rock! Non ci credete? andate a sentirvi Satisfaction dei Rolling Stones poi ne riparliamo…Non mancano escursioni nel mondo classico, come la Sinfonia Dal Nuovo Mondo di Dvorak. Aggiungete una serie di brani originali, un pugno di ospiti e il gioco è fatto. Uno di questi brani vede la mia partecipazione, per la precisione NOBORD.

Approfitto dell’occasione per ringraziare Giuseppe Moffa, artefice del progetto e tutti i suoi colleghi per avermi coinvolto in questa esperienza che consiglio caldamente, per molti sarà una rivelazione.

INCHANTO – LE STANZA DI AMBRA (2011)

Ho con molto piacere contribuito alla realizzazione di questo lavoro, splendido per grafica e realizzazione, del gruppo senese InChanto. Si tratta di un’opera ispirata alla leggenda della ninfa Ambra e del fiume Ombrone che la bramava fino al punto da far intervenire la dea Diana, la quale impietosita trasforma Ambra in roccia in modo da rendere eterno l’abbraccio di Ombrone alla sua amata. Basandosi su di un poemetto scritto nientemeno che da Lorenzo il Magnifico, questo gruppo ripercorre la leggenda attraverso sonorità antiche arricchite da una certa vena celtica che non poteva lasciarmi indifferente; da qui l’aggiunta delle uilleann pipes sul brano di apertura Notturno d’acque (sol minore, che fatica….) e in quello di chiusura Le stanze di Ambra, dove ho usato anche un tin whistle in sib. Grazie agli InChanto per avermi permesso di partecipare a questo lavoro, sapientemente prodotto da RadiciMusic dell’amico Aldo Coppola Neri.

VALLESANTACORDE – INCONTRO (2010)

Esiste, nascosto nelle foreste casentinesi, un posto chiamato IL DOCCIONE. Lì vive un gruppo di artisti/contadini/cittadini del mondo di origine tedesca che formano anche un gruppo musicale chiamato VALLESANTACORDE.  Musica strumentale e non di stampo klezmer, ricercata, mai banale, intensa.  Esiste, di conseguenza, un modo diverso di vivere la musica che scrivi o interpreti, coi ritmi dettati dalla natura circostante anche quando fai le prove, registri o suoni dal vivo.

Tutto questo sono i VALLESANTACORDE, ed il loro ultimo lavoro, intitolato INCONTRO, vede la mia partecipazione in un paio di tracce. Mi è già capitato di suonarci anche dal vivo, e spero vivamente che ricapiti perchè questa musica è bella, e le persone che la fanno lo sono ancora di più.

CISCO – IL MULO (2008)

Anche la seconda prova solista di Cisco mi vede presente con i miei strumenti.Il cd suona “stranamente” familiare, visto che in molti brani appare la mano di GIOVANNI RUBBIANI,  vecchia volpe e vecchia mente che sta dietro ai più grandi successi dei MCR.

CASA DEL VENTO – IL GRANDE NIENTE (2006)

Un disco leggermente diverso da parte dei miei amici della Casa del Vento: il suono si è fatto più godibile,con dei riflessi che cascano anche sul pop, se vogliamo, come nel caso del brano PIOVONO PIETRE. La mia partecipazione con le uilleann pipes nell’ultimo brano, ALLA FINE DELLA TERRA.

CISCO – LA LUNGA NOTTE (2006)

Da una separazione illustre nasce una carriera di musica d’autore tutta da scoprire e da forgiare. Molto di buon grado, quindi, ho partecipato alla registrazione con questo vecchio amico amico (ex cantante dei MCR) contribuendo a mantenere il gusto Irish in una musica che poco alla volta diventa qualcosa di nuovo e originale. Importante ricordare la produzione di FRANCESCO MAGNELLI.

SOFFI D’ANCIA ( 2006)

Compilation celebrativa per il decennale del festival PIFFERI MUSE E ZAMPOGNE di Arezzo. Sono molto legato a questo festival, sia perchè lo organizza un grande amico (Silvio Trotta dei Musicanti del Piccolo Borgo), sia perchè è un rarissimo esempio di musica autogestita, tra mille e più difficoltà, ma che bene o male riesce sempre grazie all’impegno e alla generosità di tanti appassionati (grazie Cico!)  a sfornare edizioni memori. Nel cd compare il brano THE MONASTRY, già apparso in ANCESTRAL BREATH.

MUSICANTI DEL PICCOLO BORGO – MUSICAMUSICANTI(2005)

Loro sono il gruppo di musica popolare italiana che preferisco. Nel 2005 hanno ristampato un vecchio lavoro che conteneva un brano che a me piace in modo particolare, si chiama ALLA MAENZANA; ho provato ad aggiungere qualche strumento al loro brano, loro sono rimasti così contenti da metterlo nella ristampa.

MORTIMER MCGRAVE – ALL’ATTACCO (2005)

Il lato demenziale dei miei amici marchigiani: una parte di uilleann ed un demenziale dibattito dove da etrusco rivendico il diritto di non essere catturato dai romani (….). Per fortuna mi hanno risparmiato una pratica che sono soliti fare sul palco…chi ha avuto occasione di vederli ha già capito!!

LOU DALFIN – L’OSTE DEL DIAU (2004)

Sergio Berardo è un amico di vecchia data e il suo  gruppo è da sempre uno dei miei preferiti nel panorama italiano (pardon, occitano). Al disco seguirono alcune partecipazioni live dove capii veramente cosa significa il senso di appartenenza a qualcosa: una vera e propria tribù che si riuniva per cantare, ballare, soprattutto celebrare la propria (r)esistenza. Intenso. E anche vincitore del premio Tenco 2004.

CASA DEL VENTO – AL DI LA’ DEGLI ALBERI (2004)

LLAPANCHICK (2004)

Una compilation benefica dove appare un brano della mia discografia solista (si tratta di ANOTHER ROAD da INDOEUROPEAN).

RAFFAELLO SIMEONI – CONTROENTU (2004)

Sintonia musicale e umana a tutto tondo con questo grande musicista di Rieti, devoto alla tradizione mediterranea e a quella medievale del centro Italia, fondatore dei NOVALIA, polistrumentista e grande cantante.

CASA DEL VENTO – PANE E ROSE (2002)

PAOLA TURCI – QUESTA PARTE DI MONDO (2001)

L’impegno e la bravura di Paola, grande soddisfazione per me per un ottimo risultato finale nella title track del cd, nonostante una osticissima tonalità di sol minore…grazie!

CASA DEL VENTO – NOVECENTO (2001)

L’occasione per risuonare con la band da me fondata insieme ai grandi amici LUCA e SAURO LANZI, FRANCY e NANNI MONETI, ALFREDO MORI dopo anni di viaggi, musica, successi e risate.

Alla voce CISCO BELLOTTI….

PICCOLO CANTO NOMADE – MAZAPEGUL (1998)

La continuazione diretta del primo CONTRODANZA, registrato a casa di Minnie Minoprio(!) vicino Roma, e contenente alcuni brani davvero notevoli. Ascoltare per credere VENTIDUE COLORI, dove fu approntata una piccola orchestra di bombarde bretoni tutte sovraincise dal sottoscritto per un risultato davvero di grande effetto.

PAOLA E CHIARA – GIORNATA STORICA (1997)

Strano, no? Eppure le uilleann possono suonare anche nel pop, prova ne sia questa collaborazione con due amanti autentiche dell’Irlanda (giuro), che se avessero cantato folk avrebbero messo d’accordo un sacco di gente…

VINICIO CAPOSSELA – IL BALLO DI SAN VITO (1997)

L’amicizia con LUCIANO TITI, ravennate produttore di Vinicio, mi portò a questa collaborazione dove suonai la bombarda ne IL BALLO DI SAN VITO, forse il suo disco più bello. Da ricordare la telefonata da NY di EVAN LURIE con Vinicio che cerca di spiegargli in un inglese alquanto alcolico che cosa fosse la bombarda e quanto chiasso facesse…

CONTRODANZA – MAZAPEGUL (1996)

Questo fu l’esordio di un gruppo fondato da me nei primi anni 90, a Bagno di Romagna, con alcuni personaggi molto noti quali VALERIO CORZANI, bassista dei MAU MAU, MIRCO MARIANI, ex batterista di VINICIO CAPOSSELA. E’ stato il primo gruppo di un certo livello in cui ho suonato.

BOUZOUKI

buzuki
Verso la fine degli anni sessanta, in Irlanda, due giovanotti di nome Andy Irvine e Donal Lunny, di lì a breve destinati a rivoluzionare per sempre la musica tradizionale del loro paese attraverso un gruppo chiamato PLANXTY, pensarono di allargare il tiro introducendo lo strumento greco per eccellenza nelle sessions al pub. Furono necessarie alcune modifiche: la tonalità, certo, ma anche la forma, visto che il fondo bombato dello strumento greco mal si adattava ad essere suonato da seduto…

La grande particolarità del bouzouki irlandese è la sua capacità di sostenere al tempo stesso melodia e ritmica, vuoi per l’accordatura aperta (sol-re-la-re) vuoi per l’attacco deciso ed incisivo delle note singole.   Possiedo uno strumento di CORDOVA GUITARS, l’ azienda di Carlos MICHELUTTI, liutaio argentino itinerante tra Gubbio e Cremona; fu il primo bouzouki che costruì ed è uno strumento di eccezionale stabilità; tavola di acero ed abete, tastiera in ebano. Rispetto al bouzouki greco, ma anche a quello irlandese in genere, produce un suono molto più ricco e tondo, forse più adatto a contesti musicali meno affollati ma davvero molto piacevole all’orecchio.

COSI’ DICONO…

saluti finali

 

 

 

 

 

PANORAMICA MASSIMO GIUNTINI SANDS ZINE

Sands-zine – no-zine ded.

AREZZO NOTIZIE 19 4 2013

ARTICOLO LA NAZIONE 19 APRILE 2013

La Nazione 19 4 2013

ARTICOLO CORRIERE DELLA SERA

BERGAMO 23 agosto 2012

articolo corriere bergamo

INTERVISTA DOPPIA MASSIMO GIUNTINI/RAFFAELLO SIMEONI di EMILIO SACCO

intervista doppia Massimo e Raffaello

RECENSIONE CONCERTO PIFFERI, MUSE  E ZAMPOGNE

pifferi, muse e zampogne

INTERVISTA DI ENRICO DEZOTTIS PER FLIPMAGAZINE

2013-10-21_07_14_38
Massimo Giuntini_ da Arezzo all’Irlanda _ Flipmagazine

RESTO DEL CARLINO AREZZO 27 OTTOBRE 2011 – terre in vista

resto del carlino 27 10 2011

RECENSIONE DEL  CONCERTO A POPPI DEL 1 AGOSTO 2010 – SOCIETA’ DEL CHIASSOBUJO

pisanotizie dell’agosto 2010

RECENSIONE BAGCOFFEE DEL CONCERTO A TARVISIUM CELTICA 2008

Recensione Bagcoffee

AREZZONOTIZIE SUL CONCERTO SOC.CHIASSOBUJO A POPPI 2010

ArezzoNotizie su Jacopo Bordoni

BIOGRAFIA DUCTIA ONDAROCK

Biografia Ductia Ondarock

RECENSIONI

Tecentosessanta cover

RECENSIONI TRECENTOSESSANTA

 

Recensione Blogfoolk

 

DSC_0051

 

RECENSIONE WHISKY TRAIL BLOOGFOLK 2013

http://www.blogfoolk.com/2013/06/whisky-trail-celtic-fragments-materiali.html

RECENSIONI PROMISES

recensione bloogfolk promises

Recensione Celticworld

RECENSIONI TERRE IN VISTA

terre in vista folk bulletin

Recensione blogfoolk Terre in vista

Quando la musica è voglia di vivere_ Massimo Giuntini & Raffaello Simeoni – Terre in vista (2011)

RECENSIONI CD JACOPO BORDONI 

Recensione Jacopo Bordoni Casentinopiù

Recensione Jacopo Bordoni FolkBulletin

Recensione Jacopo Bordoni Blogfoolk

La Brigata Lolli

RECENSIONI  ANCESTRAL BREATH
Recensione Ancestral Breath Mescalina

Recensione Ancestral Breath FolkBulletin

RECENSIONI EPICA

Recensione Epica Celticworld

RECENSIONI DUCTIA

Recensione Tuscàntica Mescalina

Biografia Ductia Ondarock

RECENSIONI A VISION

recensione a vision rino garro

UILLEANN PIPES

olanda1.jpg

La regina, a parer mio, degli strumenti appartenenti alla famiglia delle cornamuse. Sette ance, un chanter per la melodia, tre bordoni di re, tre regulators con possibilità di armonizzare la melodia che stai suonando attraverso la pressione di chiavi col polso destro…Detto così sembra molto difficile, invece è anche peggio!
Il mio set di uilleann pipes è stato costruito in diverse fasi: nel 1991 presi un pratice set da CHARLES ROBERTS all’epoca costruttore e sempre all’epoca residente a Glencar, Sligo, Eire. Tre anni dopo tornai da lui per aggiungere i regulators. Adesso CHARLES ROBERTS non lavora più in questo settore e non abita neanche più in Irlanda; in compenso il figlio Alan continua a suonare gli strumenti di suo padre.

SOCIETA’ DEL CHIASSOBUJO – Jacopo Bordoni muratore poeta ribelle (2010)

2013-10-21_06_53_09
SOCIETA’ DEL CHIASSOBUJO – JACOPO BORDONI MURATORE POETA RIBELLE (2010)
Stavo ristrutturando la mia nuova casa, e l’amico imbianchino Giorgio Gelati mi fece: anche il mi’ cognato suona ma unnèccapace, massì….poi entrò nel dettaglio e mi disse che il suo cognato, al secolo Piero Lanini,aveva messo in musica delle poesie scritte da un personaggio molto particolare vissuto a cavallo tra 1800 e 1900 a Poppi: si trattava di un muratore, munito solo della terza elementare ma che in virtù della passione per la poesia scriveva componimenti alla Carducci,  dominati dai temi anarchici che tanto gli stavano a cuore.
Vi lascio immaginare se un personaggio come questo poteva solleticare la mia immaginazione: chiesi di incontrare Piero e sentire i suoi lavori, se per lui andava bene. Piero accettò, venne a casa mia, e io scoprii una voce calda, bassa e coinvolgente che cantava storie di un mondo che non c’è più…le poesie erano arrangiata solo per chitarra e voce, ma apparve subito chiaro che un arrangiamento più articolato avrebbe reso il tutto decisamente fruibile per tanta gente.
Dunque: pronti, via. Spulciando qua e là mi accorsi che quell’anno (2010) sarebbe stato il 150° anniversario della nascita di Jacopo Bordoni;quale migliore occasione per celebrare un personaggio così interessante ed al tempo stesso dimenticato dai casentinesi…
Servivano musicisti, possibilmente locali per due motivi: la comodità per fare delle prove e la suggestione di celebrare un casentinese con gente casentinese. Così, in sequenza, arrivarono Sole Feltrinelli alla fisarmonica, Leonardo Bondi al basso, il solito Vieri Bugli al violino (ah, che farei senza di lui…),Simon Chiappelli al trombone. Successivamente fu messo in piedi uno spettacolo con tanto di poeta recitante (Rolando Milleri) ed al gruppo si unirono Gianni Giannini al trombone e l’amico Fabio Roveri alla chitarra.
Il risultato? un successo inaspettato a Poppi, una etichetta discografica
che si prende la briga di distribuire e stampare il cd, un gruppo che ha già suonato anche fuori zona, recensioni molto positive…troppo bene!
Inoltre, sapete cosa? Finalmente io personalmente non sono stato solo il suonatore di uilleann alla irlandese, ma ho trattato temi di casa mia, col linguaggio di casa mia, con i miei strumenti e devo dire che sembra tutto ben riuscito! Davvero una grande soddisfazione.